ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Petrolio ancora in calo, il Brent sfiora i 45 dollari al barile

Lettura in corso:

Petrolio ancora in calo, il Brent sfiora i 45 dollari al barile

Dimensioni di testo Aa Aa

Prosegue inarrestabile la caduta dei prezzi del petrolio. La debolezza della domanda delle economie europee e asiatiche, accoppiata con i tanti segnali di eccesso d’offerta, ha portato l’oro nero a cedere il 60% del suo valore dallo scorso giugno.

Non solo: da inizio gennaio la caduta sembra aver accelerato. Questo martedì, prima volta da ottobre in cui greggio di origine europea e americana scambiano allo stesso livello, il Brent ha sfiorato i 45 dollari al barile.

La decisione dell’Organizzazione dei Paesi esportatori di non diminuire la produzione (con, anzi, alcuni membri che offrono sconti per difendere le quote di mercato dallo scisto americano) non aiuta. I tentativi di taglio coordinato con i produttori esterni, Russia in primis, sono falliti.

Neppure l’insaziabile sete della Cina, che a dicembre ha importato la cifra record di sette milioni di barili al giorno, sembra costituire un qualche genere di freno.