ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

De Kerchove, coordinatore Ue anti-terrorismo: essenziale la banca dati sui passeggeri aerei

Mentre la Francia rende omaggio ai suoi morti, pochi giorni dopo la strage di Parigi, il coordinatore europeo anti-terrorismo Gilles de Kirkhove

Lettura in corso:

De Kerchove, coordinatore Ue anti-terrorismo: essenziale la banca dati sui passeggeri aerei

Dimensioni di testo Aa Aa

Mentre la Francia rende omaggio ai suoi morti, pochi giorni dopo la strage di Parigi, il coordinatore europeo anti-terrorismo Gilles de Kerchove rompe il suo silenzio e a Bruxelles risponde alle nostre domande.

Frédéric Bouchard, euronews:
“E’ soddisfatto delle risposte europee, si parla molto dell’adozione di una banca dati sui passeggeri aerei…”

Gilles de Kerchove, coordinatore europeo anti-terrorismo:
“Ne abbiamo assolutamente bisogno. All’inizio riuscivamo a identificare e seguire circa il 60% dei combattenti europei, quindi circa il 40% delle persone a rischio sfuggiva ai controlli, e ci rendevamo conto che erano in Siria perché mettevano la loro foto su facebook o twitter. Bisogna migliorare e l’unico modo di farlo è attraverso questa banca dati”.

Frédéric Bouchard, euronews:
“Dopo gli attentati questo martedi’ il primo ministro francese ha presentato alcune proposte tra cui la creazione di zone specifiche nelle prigioni per separare coloro che sostengono l’Islam radicale, che fanno propaganda in prigione, cosa ne pensa di queste proposte di Manuel Valls? “

Gilles de Kerchove, coordinatore europeo anti-terrorismo:
“Penso che sia molto pericoloso mischiare persone che tornano dalla Siria con delinquenti comuni, come ha evidenziato il caso Coulibaly. Chi rientra dalle zone di guerra ha questa aria di veterano, che ispira, anche se magari in Siria ha solo lavato i piatti e non era in prima linea, si inventa storie, si fa passare per un eroe e quindi ispirerà altri. Questo mostra che non bisogna solo separare i fondamentalisti, sono necessari anche programmi di riabilitazione”.