ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia: torna il Charlie Hebdo, e torna Maometto in copertina

Maometto torna in copertina sul Charlie Hebdo, in un numero strano, quello che segue la strage in redazione. Un’edizione, quella in uscita, che di

Lettura in corso:

Francia: torna il Charlie Hebdo, e torna Maometto in copertina

Dimensioni di testo Aa Aa

Maometto torna in copertina sul Charlie Hebdo, in un numero strano, quello che segue la strage in redazione. Un’edizione, quella in uscita, che di straordinario ha tutto: tre milioni di copie, contro le trentamila dei numeri precedenti. Resterà in vendita per due settimane, e avrà anche una decina di traduzioni, compresa quella italiana.

Luz, che ha disegnato il Profeta, commenta: “Non è la copertina che tutti volevano che facessimo. Ma è quella che noi volevamo fare. Non è la copertina che i terroristi volevano che facessimo, perché non ci sono i terroristi, qui. C‘è solo un uomo che piange, una brava persona. È Maometto. Mi dispiace, lo abbiamo di nuovo disegnato. Ma il Maometto che abbiamo disegnato è un brav’uomo che piange, prima di tutto”.

Questo numero resterà due settimane, ed è già stato difficile realizzarlo, a ranghi drammaticamente ridotti, ospiti di un’altra redazione, quella di Liberation, e con la testa altrove: e dopo? Resterà, Charlie Hebdo?

Secondo il caporedattore, sì:

“Ci sarà un futuro – dice -, non sappiamo ancora come sarà, ma un giornale ci sarà. Non ci sarà alcuna interruzione. Il che vuol dire che tra due settimane in edicola ci sarà un nuovo Charlie Hebdo”.

“Una provocazione inutile” per la massima autorità islamica egiziana, che vede nel nuovo disegno un’offesa per un miliardo e mezzo di credenti. Ma questo, secondo il disegnatore, “è un Maometto molto più simpatico di quello brandito dagli estremisti”. E anche un giornale turco, Cumhurriyet, ha deciso di ripubblicare il numero in uscita di Charlie Hebdo.