ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sicurezza o privacy? Dibattito sulle misure anti-terrorismo al Parlamento europeo

Il dibattito si è riaperto al Parlamento europeo che ha inagurato la sessione plenaria a Strasburgo con un minuto di silenzio, in ricordo delle

Lettura in corso:

Sicurezza o privacy? Dibattito sulle misure anti-terrorismo al Parlamento europeo

Dimensioni di testo Aa Aa

Il dibattito si è riaperto al Parlamento europeo che ha inagurato la sessione plenaria a Strasburgo con un minuto di silenzio, in ricordo delle vittime di Parigi. Ma dopo l’omaggio, si è passati alle polemiche. Come rafforzare le misure anti-terrorismo?

Sottolinea l’ex commissaria europea alla giustizia: “Non si possono eliminare i diritti degli individui a causa di un attacco terroristico-ha detto Viviane Reding. La Corte di giustizia europea è stata molto chiara in proposito. Ci deve essere un equilibrio ragionevole tra le necessità della polizia per garantire la sicurezza, e i diritti individuali che sono descritti nei trattati”

Categorico anche l’euroscettico Nigel Farage, che con ironia ha ricordato che la sicurezza è una competenza prettamente nazionale. “Posso predirre facilmente che ci sarà un’unica cosa sui cui ci sarà accordo oggi, che l’Unione europea ha bisogno di piu’ poteri. E’ la conclusione che l’Unione trae da ogni crisi”- ha dichiarato Farage.

I deputati dovranno ridiscutere la proposta di legge che obbliga le compagnie aeree a fornire alla polizia dati personali sui passeggeri e sul loro itinerario. La legge è bloccata al Parlamento europeo dal 2011, in nome della privacy.