ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Naftali Bennett, ministro dell'Economia israeliano: tolleranza zero contro il terrorismo

Tra i leader mondiali accorsi a Parigi per la grande manifestazione contro l’integralismo e l’intolleranza, c’era anche il premier israeliano

Lettura in corso:

Naftali Bennett, ministro dell'Economia israeliano: tolleranza zero contro il terrorismo

Dimensioni di testo Aa Aa

Tra i leader mondiali accorsi a Parigi per la grande
manifestazione contro l’integralismo e l’intolleranza, c’era anche il premier israeliano Benjamin Netanyahu, accompagnato dal ministro dell’Economia Naftali Bennett. In serata i due, assieme al presidente francese François Hollande, hanno fatto visita alla Grande Sinagoga di Parigi. In Francia la comunità ebraica è ancora scossa per l’attacco mortale portato a termine venerdì nel supermercato kosher di Porte de Vincennes, costato la vita a 4 persone.

euronews ha intervistato Naftali Bennett. 42 anni, sposato, con quattro figli, oltre a essere ministro dell’Economia in Israele è leader del partito La Casa Ebraica, formazione politica affiliata con il centro-destra e orientata al sionismo. Bennett è considerato
da molti analisti un falco. Più volte si è schierato contro l’ipotesi di uno Stato palestinese a fianco di quello israeliano.

Naftali Bennett, ministro dell’Economia israeliano:
“Quel che ci attendiamo dal mondo libero e dall’Europa in particolare è prima di tutto realizzare quel che abbiamo di fronte. Non fingere che questo non sia terrorismo di matrice islamica. Questo è terrorismo islamico, chiamiamolo col suo nome perché se non lo definiamo così ma come terrorismo generico non c‘è modo di combatterlo”.

James Franey, euronews :
“Ma non c‘è il pericolo che questo venga interpretato come accusare tutti i musulmani di essere terroristi?”

Naftali Bennett:
“No, non sto incolpando tutti i musulmani. Ovviamente la stragrande maggioranza dei musulmani non sostengono il terrorismo, ma la maggioranza dei terroristi sono musulmani. Questo è un fatto. E quel che occorre è batterli. Credo che l’Europa sia piuttosto naif. Credo ci sia il desiderio, con la scusa della correttezza politica, di capire i motivi di questi terroristi. Dovrebbe esserci tolleranza zero per qualsiasi attacco terroristico. Zero tolleranza. Io non voglio capirli, voglio sconfiggerli. Dobbiamo combattere contro il terrorismo e vincere. Lo abbiamo fatto in Israele e ora deve accadere in Europa”

euronews:
“Qual è il suo messaggio agli ebrei francesi che temono nuovi attacchi?”

Naftali Bennett:
“In queste ore ho incontrato centinaia di ebrei francesi e ha visto la loro profonda preoccupazione. Il mio messaggio agli ebrei francesi è: avete una casa. La vostra casa è Israele. Sia che decidiate di restare in Francia che di venire in Israele lo Stato di Israele si sente responsabile del vostro welfare e della vostra sicurezza. Se rimarrete qui, va bene. Se verrete in Israele vi abbracceremo”.

euronews:
“Il killer del supermercato kosher ha menzionato la situazione dei palestinesi. Pensa che la situazione in Medioriente pesi su questi attacchi terroristici?”

Naftali Bennett:
“No, affatto. C‘è solo una motivazione ed è la sharia, è l‘ìdeologia islamista fanatica. cercare di capire il loro dolore non è l’approccio
corretto. Quanto si combatte contro il terrorismo c‘è un solo approccio ed è la vittoria totale”.