ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Papa Francesco: "i Magi simbolo della ricerca di Dio"

Il Papa all'Angelus ricorda anche il Natale ortodosso. Le cerimonie per l'Epifania in Turchia e Bulgaria.

Lettura in corso:

Papa Francesco: "i Magi simbolo della ricerca di Dio"

Dimensioni di testo Aa Aa

I Magi sono la dimostrazione che quel bambino nato a Betlemme è venuto per l’umanità intera. Così Papa Francesco durante l’Angelus per la messa dell’Epifania.

Il viaggio dei tre re rappresenta, secondo le parole del pontefice, “la ricerca di Dio da parte dell’umanità, una processione che da allora non si è interrotta mai più”.

Bergoglio ha confrontato Erode “uomo di potere che nell’altro riesce a vedere soltanto il rivale”. Coi Magi che, invece, “sono passati dai calcoli umani al mistero”.

Papa Francesco ha anche ricordato chi il 6 gennaio festeggia il Natale ortodosso.

Confessione che, durante l’Epifania, ad alcune latitudini propone anche altre cerimonie. Come quella dei greci di Turchia nel golfo del Bosforo, dove tradizionalmente viene gettata una croce della quale alcuni coraggiosi, sfidando il freddo delle acque del Corno d’oro, si contendono il recupero.

L’inizio di gennaio è anche il periodo nel quale Giovanni Battista battezzò un Gesù ormai adulto e della rivelazione al mondo della sua natura. In Bulgaria il 6 gennaio è celebrato anche come Bogoyavlenie (manifestazione di Dio), Yordanovden (giorno del Giordano, dal nome del fiume del battesimo), “Krashtenie Gospodne” (battesimo del Signore).

Secondo la tradizione, il girono prima è costellato di pericoli perché gli spiriti maligni invadono la Terra. Benedire le acque rende il mondo un posto più sicuro e prospero.