ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Afghanistan, una donna per le donne: la storia di coraggio di Barakzai

In Afghanistan le donne si interrogano sul loro destino, con la conclusione della missione della Forza internazionale di assistenza alla sicurezza

Lettura in corso:

Afghanistan, una donna per le donne: la storia di coraggio di Barakzai

Dimensioni di testo Aa Aa

In Afghanistan le donne si interrogano sul loro destino, con la conclusione della missione della Forza internazionale di assistenza alla sicurezza (Isaf). La paura è che i taleban rafforzino il loro potere.
La condizione femminile è leggermente migliorata con la fine del regime talebano: nella Costituzione è stata inserita la parità tra i diversi sessi, sono quasi 3 milioni le giovani che studiano ed è rosa il 28% dell’Assemblea nazionale.
Simbolo di questa battaglia nel Paese è la deputata afghana Shukria Barakzai, ferita in un attentato a Kabul il 16 novembre scorso quando un kamikaze si è fatto esplodere vicino alla sua automobile, facendo tre morti. Non intende lasciare il Paese, la strada da fare per la dignità femminile è ancora lunga.

‘‘Essere donna in Afghanistan è un grande problema perché nella società siamo viste come un oggetto, non come un essere umano’‘, racconta la parlamentare ancora sotto il controllo medico. ‘‘I gruppi estremisti non vogliono le donne. E noi non vogliamo loro. Le donne per loro sono il grande nemico. Vorrebbero metterci in una piccola scatola, ma devono sapere che la nostra voce romperà questa scatola e noi usciremo”.

Non era il primo attacco contro Shukria Barakzai, sopravvissuta ad altri due nel 2003 e nel 2005. Ma continua a battersi per le donne, perché non siano più vittime di violenze e considerate cittadini di serie ‘‘B’‘.