This content is not available in your region

Stati Uniti: le reazioni della comunità cubana alla svolta nei rapporti con Cuba

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Stati Uniti: le reazioni della comunità cubana alla svolta nei rapporti con Cuba

<p>Per la comunità cubana degli Stati Uniti la caduta del “muro” tra i due Paesi apre una nuova epoca. Washington si prepara a una possibile visita di Castro dopo l’avvio delle relazioni diplomatiche ferme dal 1961 tra Stati Uniti e Cuba. Per Joaquin Cabrejas, proprietario del ristorante ‘‘The Cuban Corner’‘, ritrovo di cubani a Washington, è centrale la revoca delle restrizioni sui viaggi dall’isola caraibica. “Democrazia, libertà, viaggiare liberi senza restrizioni andando dove si vuole. È la possibilità di poter scegliere se uscire dal Paese oppure se si è felici restare”, è il commento di Joaquin Cabrejas.</p> <p>Stati uniti e Cuba tornano, dunque a dialogare: il 17 dicembre Obama e Raúl Castro hanno annunciato di voler normalizzare le relazioni diplomatiche. Ma negli Stati Uniti non mancano le critiche. Oltre a quelle dei repubblicani, Obama incassa anche quelle dei conservatori come Mike Gonzalez, di origine cubana che ha collaborato con l’amministrazione Bush. “Per 54 anni, i cubani non hanno avuto elezioni e hanno avuto un presidente di nome Castro. Quindi, per tutte queste ragioni, mi rende triste l’idea che il nostro governo si stia alleando con loro’‘, ha detto Gonzales.</p> <p>La svolta nei rapporti con Cuba potrebbe giovare al Partito Democratico nella prossima campagna presidenziale, secondo il corrispondente di euronews a Washington, Stefan Grobe: “Ora che la comunità americana di Cuba ha digerito la decisione del presidente Obama, sono emerse alcune falle. Il consenso per Obama è schiacciante tra i giovani cubani americani dove tocca l’88%. Questo potrebbe dare al partito del presidente un vantaggio strategico in vista della campagna del 2016”.</p>