ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Elezioni europee: dal record di astensione, alla deriva populista

Lettura in corso:

Elezioni europee: dal record di astensione, alla deriva populista

Dimensioni di testo Aa Aa

Le elezioni europee arrivano in un momento di grande tensione nel Vecchio Continente. La crisi della zona euro ha colpito particolarmente i Paesi del Sud Europa e nel voto di maggio, nei 28 Stati membri dell’Unione, la protesta prende corpo. L’elezione dei 751 deputati europei registra la crescita dei consensi dei partiti nazionalisti.

L’altra novità è rappresentata dall’indicazione dai candidati alla presidenza della Commissione europea. Per la prima volta, i 5 rappresentanti dei partiti tradizionali si sono confrontati in numerosi dibattiti televisivi.

I risultati non sconvolgono le vecchie gerachie: il partito Popolare europeo conferma di essere la forza politica di maggioranza relativa, seguito dai Socialisti. Tutti gli altri gruppi principali, i Liberali, l’estrema sinistra e i Verdi raccoglieranno meno del 19% dei voti.

La vera sorpresa, anche se la tendenza era chiara, è l’affermazione dei partiti nazionalisti di estrema destra, populisti e antieuropei. L’Italia va in controtendenza: spinto dall’ascesa di Matteo Renzi alla guida del Paese, il partito Democratico va oltre il 40%. In Francia e Gran Bretagna, Marine Le Pen e Nigel Farage conquistano la maggioranza relativa.

Il leader dell’UKIP riesce a formare un proprio gruppo che si scioglierà dopo appena tre mesi, a causa dell’uscita di una deputata. Il Front National non riuscirà a formare il proprio gruppo. Il populismo anti-europeo, nonostante l’ottima affermazione, viene confinato nel gruppo dei non iscritti.

Nel giro di due mesi, i neo deputati sono chiamati a scegliere il nuovo presidente della Commissione europea. Il suo nome è già stato indicato nel corso della campagna elettorale: è il popolare Jean Claude Juncker a prendere il posto di Jose Manuel Barroso.

Il rinnovo del parlamento europeo nel 2014 fa registrare anche un record. Negativo. Solo il 42.5% degli elettori si reca alle urne per eleggere i propri rappresentanti. Una sfida ulteriore per la nuova classe di governo.