Francia: supermulta a multinazionali. Avrebbero creato un prezzario illegale

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
Francia: supermulta a multinazionali. Avrebbero creato un prezzario illegale

<p>La Francia fa sul serio e va alla guerra contro le multinazionali che fanno cartello per aumentare artatamente i prezzi. </p> <p>Quasi un miliardo di euro dovranno pagare 13 gruppi frai i più noti come Procter & Gamble o L’Oréal che fra il 2003 e il 2006 avrebbero imposto alle catene della grande distribuzione prezzi molto più alti per prodotti di larghissimo consumo. A deciderlo l’Autorità per la concorrenza. </p> <p>Spiega il suo presidente: “Si trattava di multinazionali talmente potenti che i supermercati, non potendo ritirare dagli scaffali prodotti così noti, erano costretti ad accettare i rialzi eccessivi su cui si erano precedentemente messi d’accordo i fabbricanti”.</p> <p>La pistola fumante sarebbe quella ottenuta dopo un’irruzione in un ristorante di lusso alle porte di Parigi dove si riunivano i vari manager delle aziende per decidere i prezzi.</p> <p>L’Oréal e Unilever hanno promesso appello, ma ci sono poche possibilità che possano vincere. L’authority ha ormai molto potere in Francia e sempre questa settimana l’appello della casa farmaceutica Sanofi è stato respinto. Nel 2013 l’azienda aveva denigrato dei farmaci generici. Da qui l’intervento dell’autorità per la concorrenza. La multa è stata di quasi 41 milioni di euro.</p>