ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'arte del branding

Lettura in corso:

L'arte del branding

Dimensioni di testo Aa Aa

Serge Rombi, euronews: “Benvenuti a una nuova puntata di Business Planet. Siamo a Sofia, in Bulgaria. Una delle sfide che attendono l’Europa è lo sviluppo della formazione all’imprenditorialità. Qui, da qualche anno, i giovani non solo vengono formati per sapere come creazione un marchio ma anche su come depositarlo a livello europeo. Con ottimi risultati”.

Questi studenti dell’Accademia delle Arti di Sofia hanno tra i 16 e i 18 anni. Da poco più di un anno producono e vendono sciarpe. Questi giovani hanno partecipato a Brandiko, progetto voluto dal ministero dell’Economia bulgaro grazie al quale sono stati accompagnati durante l’intero processo di lancio di un marchio sul mercato. A loro sono stati forniti anche gli strumenti per proteggere il loro marchio, grazie a un sistema europeo che assicura la protezione dei diritti sulla proprietà intellettuale nell’intero mercato unico europeo.

“Il progetto – racconta Severina Eneva, una studentessa – mi ha insegnato come creare un logo interessante, un brand e come proteggere la proprietà intellettuale.

“Dato che gli artisti sono spesso individualisti – aggiunge Joanna Brayanova – per me la cosa più importante è stata imparare a lavorare in team”.

«Ora – assicura Maria Stoyanova – vorrei creare la mia impresa con un marchio e un logo che so già come proteggere”.

Questi giovani sono stati formati dai loro docenti d’arte che a loro volta hanno ricevuto una formazione nel quadro di questo progetto. I ragazzi hanno creato un marchio originale protetto ma hanno anche ricevuto gli strumenti per commercializzare i loro prodotti e hanno partecipato a diverse competizioni confrontandosi con altre imprese pilota del Paese.

“Il corso di imprenditorialità – afferma Elizar Milev, insegnante presso l’Accademia d’Arte di Sofia – è molto importante per gli studenti delle scuole d’arte berché questi ragazzi hanno competenze artistiche e noi insegnamo loro come venderle.”

Questa iniziativa bulgara è appena stata premiata con il Premio Europeo per la Promozione dello Spirito d’Impresa 2014, nella categoria Investire nelle Competenze degli Imprenditori.

Il premio mira a mettere in luce progetti che hanno favorito la creazione di più di diecimila piccole e Medie imprese in Europa a partire dal 2006. Ad avviare in Bulgaria Brandiko, è stato quest’uomo: Ivalylo Grandcharov, a capo del dipartimento per le politiche destinate alla Piccole e Medie Imprese In quattro anni circa 1700 studenti e 140 imprese pilota hanno beneficiato di questo progetto.

“Se vuoi essere originale, fare in modo che le persone ti riconoscano – spiega – prima devi fare un prodotto di qualità e poi creare il tuo marchio. Un giorno il marchio potrà funzionare e farti aumentare le vendite, anche solo perché sarà un marchio solido”.

Il progetto Brandiko non è presente soltanto nelle scuole d’arte ma anche in tutti i licei e, a partire dal prossimo anno, anche nelle scuole di sport. Da quando esiste, il numero di depositi di marchi comunitari è considerevolmente aumentato in Bulgaria.

“Il marchio comunitario è importante – aggiunge – perché con una registrazione del tuo marchio puoi proteggere la tua proprietà intellettuale sul mercato unico europeo ed è per questo che lo usiamo in Brandiko, perché i ragazzi devono essere a conoscenza di quest’opportunità in vista del futuro quando diventeranno imprenditori”.

Per le tre studentesse le chiavi del successo sono: uno spirito imprenditoriale vivido, un prodotto di qualità e infine un marchio solido.