This content is not available in your region

Usa. Rapporto su torture è pieno di cavolate secondo Cheney

Access to the comments Commenti
Di Andrea Neri
Usa. Rapporto su torture è pieno di cavolate secondo Cheney

<p>Il rapporto sulle torture é pieno di cavolate. I metodi usati dalla Cia hanno evitato altri attacchi contro gli Stati Uniti. </p> <p>Parola dell’ex Vice presidente americano Dick Cheney che ha così commentato la sintesi del rapporto resa pubblica dal Comitato d’Intelligence del Senato sulle pratiche d’interrogatorio impiegate dopo l’11 settembre nella guerra contro il terrorismo lanciata da George Bush.</p> <p>James Mitchell, uno dei due psicologi che hanno messo a punto le tecniche in questione, intervistato da Vice News ha detto:</p> <p>“Mi pare del tutto insensato il fatto che prendere a ceffoni il detenuto <a href="http://en.wikipedia.org/wiki/Khalid_Sheikh_Mohammed" rel="external">Khalid Sheikh Mohamed</a> sia male invece mandare un drone che bombarda una famiglia che sta facendo un picnic, ammazzargli i figli, la nonna e tutti quanti invece è ok. E questo per un sacco di motivi. Uno sono i danni collaterali. L’altro motivo è che se si uccidono poi non si possono interrogare” ha detto Mitchell.</p> <div class="storify"><iframe src="//storify.com/AndreaNerone/usa-rapporto-su-torture-e-pieno-di-cavolate-second/embed?border=false" width="100%" height="750" frameborder="no" allowtransparency="true"></iframe><script src="//storify.com/AndreaNerone/usa-rapporto-su-torture-e-pieno-di-cavolate-second.js?border=false"></script><noscript>[<a href="//storify.com/AndreaNerone/usa-rapporto-su-torture-e-pieno-di-cavolate-second" target="_blank">View the story “Usa. Rapporto su torture è pieno di cavolate secondo Cheney” on Storify</a>]</noscript></div> <p>L’attuale Direttore della Cia John Brennan ha intanto ammesso che sono stati commessi degli errori, ma ha ribadito che il programma d’interrogatori ha permesso di evitare nuovi attacchi. Le conclusioni del rapporto dicono che mente su questo punto ma per ora l’amministrazione Obama difende il suo operato.</p>