ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Colombia: rilasciati due dei cinque ostaggi nelle mani delle Farc

Lettura in corso:

Colombia: rilasciati due dei cinque ostaggi nelle mani delle Farc

Dimensioni di testo Aa Aa

Con un applauso davanti alla tv, i famigliari di Jonathan Diaz e César Rivera hanno salutato la liberazione, da parte delle Farc, dei due soldati sequestrati il 9 novembre nell’est della Colombia.

Al loro rilascio e a quello di altri tre ostaggi tutt’ora nelle mani dei guerriglieri colombiani, il governo di Bogotà ha condizionato la ripresa dei negoziati di pace, che si svolgono da due anni a Cuba.

Il negoziatore delle Farc, Rubin Morro, ha detto: “Speriamo che adesso il governo faccia i passi necessari, noi stiamo onorando la nostra parte di accordo”. Ha quindi aggiunto che il generale Ruben Dario Alzate, il militare di più alto grado mai rapito dalla guerriglia marxista, sarà liberato al più tardi entro il fine settimana.

Negli ultimi giorni, a Bogotà, si erano moltiplicate le manifestazioni di piazza per reclamare il rilascio degli ostaggi. Il presidente colombiano, Juan Manuel Santos, ha legato il suo mandato alla scommessa di riuscire a mettere fine a un conflitto che in cinquant’anni ha ucciso più di 200mila persone.

La liberazione dei due soldati è avvenuta attraverso la mediazione del Comitato della Croce rossa internazionale, a cui spetterà di prendere in consegna anche il generale Alzate, sequestrato una decina di giorni fa.