ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Messico: scontri davanti sede del governo, quindici arresti

Lettura in corso:

Messico: scontri davanti sede del governo, quindici arresti

Dimensioni di testo Aa Aa

Quindici manifestanti arrestati, il governo messicano reagisce alla protesta violenta di giovedì notte. Non permetteremo che si faccia del male a persone e istituzioni, ha detto il ministro dell’Interno.

Il governo ha riconosciuto però che il gruppo di violenti che ha agito in piazza della Costituzione a Città del Messico, sede dell’esecuitivo, è estraneo alla manifestazione pacifica che si era svolta in giornata per chiedere la verità sulla sparizione di 43 studenti a Iguala a fine settembre.

Migliaia di persone avevano gridato la propria indignazione contro il sistema politico, definendo le autorità messicane “narco-governo”, “governo che uccide studenti” e avevano denunciato corruzione e impunità.

“Il governo è marcio a causa di corruzione, ingiustizia, affari, alleanza con i narcotrafficanti”, dice una manifestante. “Dobbiamo combattere contro tutto questo. Se ne devono andare!”

Tra i manifestanti familiari e amici degli scomparsi, che per una settimana hanno attraversato il Messico per sensibilizzare la popolazione. Secondo le indagini i 43 giovani sarebbero stati consegnati a narcotrafficanti dalle autorità di Iguala.