ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Italia: scintille per jobs act, Landini "Renzi non ha consenso onesti"

Lettura in corso:

Italia: scintille per jobs act, Landini "Renzi non ha consenso onesti"

Dimensioni di testo Aa Aa

“Dobbiamo dare un messaggio di cambiamento radicale”. Parola di Matteo Renzi al Business Europe tenutosi venerdi a Roma, in cui ha presentato il suo progetto di riforma del lavoro.

Nonostante la fiducia conferita al premier da Confindustria, gli scontri tra governo e sindacati sul Jobs Act si fanno sempre più infuocati.

Per il 12 dicembre è stao decratetao uno sciopero generale convocato da Cigl e Uil, mentre a Napoli, nel corso di una manifestazione nazionale contro la riforma, Maurizio Landini, segretario generale della Fiom, attacca il Premier: “Il punto vero è che non ha il consenso di chi lavora e di chi cerca lavoro in questo Paese. Quindi dovrebbe porsi il problema che se vuole davvero cambiare questo Paese lo deve fare assieme alle persone che lavorano e assieme alle persone che lo vogliono davvero cambiare”.

Ad accendere la miccia, questo venerdì, è stata una frase dello stesso leader Fiom per il quale l’esecutivo “non ha il consenso delle persone oneste, dei lavoratori e di chi cerca un lavoro”. Parole poi smussate in parte dal sindacalista, ma che hanno comunque provocato la reazione del Partito democratico e di Confindustria.