ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cina, la banca centrale abbassa i tassi di interesse

Lettura in corso:

Cina, la banca centrale abbassa i tassi di interesse

Dimensioni di testo Aa Aa

La crescita rallenta e la banca centrale interviene tagliando il costo del denaro. Fatto abbastanza comune se non fosse che, stavolta, la notizia arriva dalla seconda economia del pianeta.

I vertici di politica monetaria della Cina hanno annunciato un abbassamento del tasso di rifinanziamento a un anno di 40 punti base al 5,6%.

Rivisto in calo di 25 punti quello di deposito, anche se, per ammortizzare l’impatto dei nuovi stimoli, le autorità hanno aumentato l’interesse pagabile ai correntisti.

Una manovra inattesa, che però non ha sorpreso più di tanto gli analisti. La crescita della produzione manifatturiera è in stallo e il mercato immobiliare, un tempo motore del miracolo economico cinese, è debole, il che pesa sulla domanda.

Pechino si dice però fiduciosa dei suoi tassi di crescita e disposta a tollerare una leggera frenata nell’espansione del Pil. A patto che il mercato del lavoro rimanga solido.