ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La supertecnologica New York

Lettura in corso:

La supertecnologica New York

Dimensioni di testo Aa Aa

Dal prossimo anno a New York le vecchie cabine telefoniche evolveranno in qualcosa di più pratico trasformandosi in migliaia di hotspot Wi-Fi in tutta la città e forniranno accesso gratuito ad Internet.

La cosa fa parte del piano LinkNYC. Le future colonnine del Wi-Fi saranno piu’ basse di 3 metri e spesse meno di 30 centimetri. Saranno in grado di far funzionare 250 apparecchi elettronici nel raggio di 45 metri.

Si raddoppieranno inoltre le stazioni di ricarica nelle quali gli utenti potranno accedere ai servizi della città, a mappe interattive, effettuare chiamate nazionali gratuite e chiedere aiuto.

Il servizio sarà 20 volte piu’ veloce dell’internet che si ha a casa. La comunicazione fra i dispositivi viene eliminata per evitare il peer-to-peer e le minacce alla sicurezza. Queste colonnine potranno produrre 500 milioni di dollari in introiti pubblicitari per la città in 12 anni, fondi che verranno reinvestiti nel servizio.

Il primo LinkNYC sarà attivo alla fine del 2015. Ne saranno installati in tutto 10.000 in città.

Ma New York offre qualcosa in piu’: uno schermo gigante, lungo quanto un campo di calcio e alto 8 piani, ha da poco illuminato Times Square. E ‘classificato come uno dei maxischermi piu’ grandi e costosi. E’ stato progettato con la tecnologia più avanzata per consentire agli inserzionisti di raggiungere i potenziali clienti in uno dei luoghi più visitati al mondo.

HARRY COGHLAN, PRESIDENTE E MANAGER DEL NEW YORK OFFICE OF CLEAR CHANNEL OUTDOOR: “ Si tratta di una soluzione all’avanguardia che finirà negli obiettivi dei passanti, la folla osserverà lo schermo e lo schermo la folla, una interazione. Ci sarà anche la possibilità d’interagire col proprio telefonino, come vedete lo schermo contrasta in maniera netta col resto della piazza”.

Si stima che ogni giorno passino per Times Square circa 300.000 persone cosa che rende la piazza e lo schermo interssantissimi per gli inserzionisti.