ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Operazione trasparenza per Bruxelles

Lettura in corso:

Operazione trasparenza per Bruxelles

Dimensioni di testo Aa Aa

Commissari, membri del loro gabinetti e direttori generali dovranno rendere pubblici i loro incontri con i lobbisti come ha spiegato in conferenza stampa il Primo Vice-Presidente Frans Timmermans.

“Siamo passati da una situazione in cui i governi dicevano all’opinione pubblica: “abbiate fiducia in me”, ad una situazione in cui chiaramente l’opinione pubblica dice ai governi “fatemi vedere” – ha dichiarato Timmermans – quindi vogliamo fare vedere, chiaramente, vogliamo essere trasparenti sulle riunioni che abbiamo”

L’operazione trasparenza partirà a dicembre ma sarà lasciata alla volontà dei singoli, non ci sarà alcune meccanismo indipendente di controllo.

Secondo Olivier Hoedeman di Corporate Europe Observatory che si batte per regole piu’ severe sulle lobby, si tratta di un passo avanti ma ci sono ancora lacune: “Dai discorsi di oggi ho l’impressione che la proposta coprirà, almeno all’inizio, solo una parte ristretta di funzionari, l’alto appartato della commissione, e questo non porterà ad una reale trasparenza sull’attività delle lobby”

Jean-Claude Juncker cerca di imparare dagli errori del passato. Dopo gli scandali che hanno portato alle dimissioni di un commissario nell’esecutivo precedente, Juncker ha fatto della trasparenza una priorità, ma l’attivà di circa 30.000 lobbisti a Bruxelles resta ancora nell’ombra. Il loro registro è ancora solo facoltativo.