ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria. Usa confermano uccisione Kassig in video jihadisti

Lettura in corso:

Siria. Usa confermano uccisione Kassig in video jihadisti

Dimensioni di testo Aa Aa

Kassig è stato ucciso perché ha “combattuto contro i musulmani in Iraq mentre era un soldato americano”. Questa l’assurda spiegazione del gruppo Stato Islamico per l’esecuzione di Peter Kassing, 26 anni, rapito in Siria a ottobre dell’anno scorso mentre lavorava come operatore umanitario.

I genitori del giovane, che si era convertito all’Islam e portava il nome di Abdul-Rahman, si sono detti distrutti dal dolore ma fieri per il lavoro che il figlio svolgeva per aiutare il popolo siriano.

Kassing era stato rapito un anno fa a un posto di passaggio nell’Est della Siria, nella provincia di Deir ez-Zor mentre trasportava materiali medici.

Il video in cui il gruppo armato Stato Islamico rivendica la sua morte, confermata dalla Casa Bianca, mostra inoltre la decapitazione di altri 16 uomini, soldati siriani. Secondo indiscrezioni del Ministero dell’Interno di Parigi riportate dalla stampa nazionale potrebbe esserci anche un cittadino francese tra i carnefici di Kassing, il terzo americano trucidato dal gruppo Stato Islamico.