ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Route du Rhum: i veterani della vela alla volta di Guadalupa


Sport

Route du Rhum: i veterani della vela alla volta di Guadalupa

Alla decima Route du Rhum partecipano anche dei veri e propri ‘‘lupi di mare’‘, che di regate in solitario nella loro vita ne hanno già fatte diverse.

Remi Pellettier: “Benvenuti a Guadalupa. Alle mie spalle, vedete Pointe-à-Pitre e a destra il famoso vulcano Soufrière. La maggior parte dei concorrenti è arrivata, mentre è ancora in mare l’inglese Sir Robin Knox Johnston, un veterano della vela, una leggenda vivente. E’ arrivato in aereo, invece, il francese Bob Escoffier, che ha dovuto abbandonare”.

Bob Escoffier, skipper Groupe Guisnel: “Stavo dormendo, quando sono stato svegliato da un rumore anomalo. Sono andato quindi a vedere e c’era già un metro d’acqua sopra il ponte. Sono subito corso ad ammainare le vele, ma ci ho messo 20/25 minuti. Troppi. A quel punto l’acqua era già nel compartimento motore ed ho capito che era troppo tardi. E’ arrivato quindi l’elicottero a recuperarmi e sfortunatamente la mia barca è affondata. Credo ci sia voluta piu’ o meno un’ora, un’ora e un quarto’‘.

Tra i veterani della vela in questa Route du Rhum, c‘è anche Sir Robin Knox-Johnston. Il 75enne londinese è stato il primo uomo a fare il giro del mondo in solitario e senza scalo. Era il 1969.

Sir Robin Knox-Johnston, skipper Grey Power: ‘‘E’ vero, sono piu’ anziano di altri, ma è solo esperienza. Guardate Loick Peyron, ad esempio. Siamo piu’ vecchi, piu’ esperti e abbiamo meno paura, perchè sono cose che abbiamo già vissuto diverse volte. Questo pero’ non vuol dire che non siamo premurosi in mare, anzi proprio il contrario, quando si parla di sicurezza”.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

Sport

Route du Rhum: arrivano anche i primi della classe IMOCA