ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Praga: celebrazioni Rivoluzione diventano protesta anti-Zeman

Lettura in corso:

Praga: celebrazioni Rivoluzione diventano protesta anti-Zeman

Dimensioni di testo Aa Aa

Decine di migliaia di cartellini rossi contro il presidente della Repubblica ceca, Milos Zeman.

Venticinque anni dopo la Rivoluzione di Velluto, le strade di Praga tornano a rimepirsi per contestare la linea giudicata troppo filorussa del capo dello Stato, accusato di servilismo verso Mosca per interessi puramente economici.

“I politici dovrebbero lasciare il potere che detengono da 25 anni ed essere sostituiti dalle nuove generazioni”, dice Lubomir Koudelka un abitante della capitale ceca.

Le celebrazioni per la liberazione dal regime sovietico si sono trasformate in contestazioni anti-presidenziali. A farne le spese anche il presidente tedesco, Joachim Gauck, colpito alla testa da un uovo.

La rabbia contro Zeman è esplosa dopo un’intervista nel corso della quale ha insultato gli oppositori di Putin. Alcuni ipotizzano che fosse ubriaco.

Le manifestazioni in ricordo della Rivoluzione di Velluto hanno sancito la spaccatura tra Presidente ed esecutivo in Repubblica ceca, con il primo ministro, Bohuslav Sobotka, atteso negli Stati Uniti per inaugurare un monumento a Vaclav Havel, il padre della Repubblica Ceca indipendente.