ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Dresda celebra Richard Strauss con Arabella

Lettura in corso:

Dresda celebra Richard Strauss con Arabella

Dimensioni di testo Aa Aa

Richard Strauss aveva un legame speciale con la città di Dresda. Un legame durato anni. La sua eredità risuona ancora nella capitale della Sassonia.

In occasione del 150° anniversario della nascita del compositore tedesco, la Semperoper ha messo in scena Arabella. Interpret: le star mondiali Anja Harteros e Thomas Hampson.

Più della metà delle opere di Strauss sono andate in scena per la prima volta su questo palco.

“Richard Strauss – racconta Thomas Hampson – è uno dei grandi compositori e pensatori. Amava l’opera, aveva molto successo, ma amava il rapporto tra parola e musica. La musica come linguaggio e la parola come metafora”.

Proprio a Dresda Strauss seguì tutte le prove di Arabella nel 1933. Da cantanti e orchestrali si dice pretendesse il massimo.

“Da una parte – racconta Anja Harteros – nella sua musica spesso c‘è una certa complessità e anche delle difficoltà per il ritmo e la tonalità con cui hai a che fare. Peraltro è molto difficile da imparare. Dall’altra parte c‘è una certa indulgenza, un elemento di deliquio tipico della sua musica, grazie al quale hai solo voglia di rilassarti e sognare”.

Desiderio, gelosia, amore e colpi di scena sono solo alcuni degli ingredienti di quest’opera. Protagonista la romantica Arabella che sogna di sposarsi per amore.

“Amo – spiega la Harteros – soprattutto il fatto di poter recitare questo ruolo con civetteria, è quasi il gioco del gatto e del topo con tutti questi spasimanti. Ma nel momento in cui arriva quello giusto – Mandryka – Arabella capisce subito che lui è l’unico, il solo”.

“Credo che il protagonista – aggiunge Hampson – sia un personaggio interessante. È incredibilmente idealista. Il suo senso del giusto e dello sbagliato è naturale il che mi identifica abbastanza”

“Lei – conclude la cantante – è sotto il suo incantesimo, lui le ha preso totalmente il cuore. Il desiderio per lui cresce e lei si rende conto di cosa significhi il vero amore”.

“È un’opera dal lieto fine – chiosa Hampson – perché i due fanno un viaggio insieme e realizzano che l’unico modo per avere un futuro è accettare le proprie debolezza, i loro errori e cancellare tutto quel che pensavano fosse amore per costruire una vita insieme e andare avanti. È un messaggio senza tempo”.