ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele, scontri nel nord dopo l'uccisione di un giovane arabo

Lettura in corso:

Israele, scontri nel nord dopo l'uccisione di un giovane arabo

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli scontri che da settimane si susseguono in Cisgiordania e nei quartieri arabi di Gerusalemme contagiano anche il Nord di Israele. La scintilla è l’uccisione, da parte di un agente di polizia, di un giovane arabo israeliano a Kfar Kanna, vicino a Nazareth.

Una telecamera a circuito chiuso filma la scena: un uomo si avventa contro un furgone della polizia. Poi si ritrae, ma un agente esce e gli spara. Il ragazzo morirà in ospedale.

Nell’attesa che un’inchiesta faccia luce su una morte che forse si poteva evitare, a Gaza la causa palestinese incassa un sostegno di peso. La titolare della diplomazia europea, Federica Mogherini, afferma la necessità di uno Stato palestinese e si impegna a rilanciare l’azione dell’Unione per dare nuove chance al processo di pace, al palo ormai da anni.

“Se non si fanno progressi a partire dalla tregua siglata al Cairo alla fine di agosto – ha detto Mogherini – se non saranno implementate la fase due e la fase tre di quell’accordo, vale a dire la ricostruzione, la rimozione del blocco, e, alla fine, la nascita dello Stato palestinese, si tornerà sempre alla violenza”.

Dopo Israele, Gaza e la Cisgiordania, Mogherini sta per fare tappa a Amman per incontrare il re Abdallah di Giordania: sul tavolo, le tensioni nelle regione, a cominciare da Gerusalemme.