ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa. Appello degli ex-Senatori al compromesso Rep-Dem

Lettura in corso:

Usa. Appello degli ex-Senatori al compromesso Rep-Dem

Dimensioni di testo Aa Aa

La vittoria dei Repubblicani era prevista. Ma l’entità della disfatta resta ancora una doccia fredda all’indomani del voto di metà mandato negli Stati Uniti. Ma mentre i Democratici si leccano le ferite e i Repubblicani affilano le armi, il rischio all’orizzonte è quello di un grave stallo politico nei due anni di mandato che restano a Barack Obama.

“Devono trovare il modo di lavorare con lui” dice ai nostri microfoni l’ex-Senatore Repubblicano Trent Lott. “E anche il Presidente dovrà fare la sua parte. Non é mai stato bravo in questo, soprattutto negli ultimi due anni. Ha smesso di comunicare e non soltanto con i Repubblicani ma anche con i Democratici”.

“Il messaggio é che Washington non funziona e bisogna sistemare le cose” afferma Tom Daschle, ex-Senatore Democratico. “Dobbiamo trovare il modo di governare meglio. I cittadini sono frustrati e vogliono vedere risultati concreti”.

Si vedrà se l’appello a ritrovare la via del compromesso nei fatti, e non solo a parole, verrà raccolto o meno. Ma per abbandonare l’abitudine all’ostruzionismo, divenuta pratica quotidiana negli utlimi anni, potrebbe volerci ancora del tempo. Tempo prezioso.

Il nostro corrispondente a Washington Stefan Grobe: “Il giorno dopo la grande sconfitta per i Democratici l’America resta profondamente divisa e con una classe politica del tutto impopolare, Repubblicani compresi” dice. “Emtrambe le parti hanno ora bisogno di riapprendere l’arte del compromesso, se non vogliono rischiare di trovarsi di fronte a un Paese davvero ingovernabile”.