ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Juncker: basta critiche ingiustificate. La nuova Commissione reagirà agli attacchi

Lettura in corso:

Juncker: basta critiche ingiustificate. La nuova Commissione reagirà agli attacchi

Dimensioni di testo Aa Aa

Mantiene la prima promessa Jean Claude Juncker. La sua Commissione sarà politica. Basta con le mezze parole e i toni diplomatici. Alle critiche ingiustificate l’esecutivo europeo risponderà per le rime.

Juncker lo ha chiarito subito ai giornalisti in occasione della conferenza stampa che ha seguito la prima riunione del collegio dei commissari a Bruxelles.

Le parole del neo Presidente della Commissione mirano dritte a Renzi e Cameron
che in questi giorni avevano criticato l’esecutivo europeo sottolineandone l’eccessiva burocraticità.
“Non sono un tipo che si spaventa davanti agli altri Premier e davanti alle questioni importanti” ha affermato Juncker “E sono il primo ad accettare le critiche, ma non quelle ingiustificate. Deve essere chiaro che da oggi in poi non si potrà attaccare la Commissione senza aspettarsi una pronta reazione”.

Chiarita la direzione politica dell’esecutivo ,Juncker è tornato a parlare del piano di investimenti da 300 miliardi di euro. Urgente per far ripartire la crescita europea. “Stiamo mettendo a punto i dettagli del piano d’investimenti” ha spiegato il Presidente della Commissione “Ma non sono in grado di dirvi da dove arriveranno i soldi e ne di descrivere in dettaglio come saranno investiti o distribuiti. Ma sarà stabilito all’interno del Consiglio dei capi di stato e di governo di dicembre”.

A ribadire l’importanza delle relazioni esterne, Jean Claude Juncker ha quindi annunciato che la sua prima visita ufficiale sarà in Ucraina. Un inizio decisamente di rottura con lo stile del suo predecessore José Manuel Barroso.