ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Snow Therapy", il cinema svedese che ha conquistato Cannes

Lettura in corso:

"Snow Therapy", il cinema svedese che ha conquistato Cannes

Dimensioni di testo Aa Aa

Terapia di coppia tra piste da sci e baite di montagna. E’ “Snow Therapy”, il nuovo film del regista svedese Ruben Ostlund, Premio della Giuria in Un Certain Regard al Festival di Cannes. La storia è ambientata durante una settimana bianca in Francia. Una famiglia sta pranzando in un ristorante quando una slavina colpisce improvvisamente il locale. Una vicenda che fa affiorare conflitti mai rivelati prima.

“Questo è ciò che vogliamo nella nostra vita – sposarci, avere figli, avere una famiglia. Mettere in discussione questo tipo di stile di vita è stato un gesto provocatorio per me” racconta il regista.

“Penso che il nucleo familiare si basi su fondamenta forti. Siamo diversi da molte altre persone. Una famiglia tradizionale si ritrova sempre con persone simili. Si possono invitare altre coppie che hanno figli mentre molto spesso si escludono i single. In pratica ci isoliamo e molte persone si sentono alla fine infelici”, fa notare uno degli attori Johannes Kuhnke.

E così un incidente, un imprevisto, possono destabilizzare anche la famiglia più solida, e far emergere crisi, dissapori, e problemi troppo spesso relegati in un angolo. Il regista, sciatore appassionato, ha voluto mettere in luce stati d’animo e meccanismi umani sottilissimi. Si ride e si piange.“Mi interessava girare in una stazione sciistica perché li si concentra una continua lotta tra l’uomo, la civiltà e la natura – dichiara ancora il regista- Ovvero il contrasto tra la forza della natura e l’uomo che cerca sempre in qualche modo di controllarla. Una sorta di metafora della vita, ecco perchè ho deciso questa ambientazione per il film.”

“Snow Therapy”, che ha conquistato l’attenzione del pubblico negli Stati Uniti, il 20 novembre uscirà in Germania. Il 25 gennaio sarà nelle sale francesi, il 10 aprile in tutti i cinema della Gran Bretagna.

.