ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Due settimane per cedere potere". Ultimatum Unione Africana ai militari in Burkina Faso

Lettura in corso:

"Due settimane per cedere potere". Ultimatum Unione Africana ai militari in Burkina Faso

Dimensioni di testo Aa Aa

Due settimane perché l’esercito del Burkina Faso restituisca il potere ad un’autorità civile. È l’ultimatum che l’Unione africana ha dato alle forze armate. In caso contrario scatteranno sanzioni.

E il colonnello Isaac Zida, capo delle forze armate nazionali, al termine del summit diplomatico, si è detto disposto a rimettere in vigore la costituzione che aveva sospeso venerdì sera mostrandosi conciliante: “Stiamo ancora discutendo perché non possiamo parlare solo con l’opposizione politica, dobbiamo considerare anche la società civile.
Dobbiamo ascoltare leader religiosi, capi tribali e chiunque rappresenti la nazione”.

Intanto sono state riaperte le frontiere, chiuse per tre giorni dopo le dimissioni dell’ex presidente Compaoré, che aveva lasciato dopo le pressioni della piazza. A gestire la transizione avrebbe dovuto essere, come da costituzione, il presidente dell’assemblea nazionale che però è stata sciolta dall’esercito. Ora, questa nuova apertura dei militari, fa ben sperare per una risoluzione pacifica delle tensioni.