ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Esplode razzo Nasa sei secondi dopo il decollo

Lettura in corso:

Esplode razzo Nasa sei secondi dopo il decollo

Dimensioni di testo Aa Aa

Un’esplosione nella notte della Virginia, e il razzo vettore Antares, realizzato da una società privata americana, è saltato in aria. È accaduto sei secondi dopo il distacco dalla sua piattaforma di lancio dal poligono spaziale di Wallops. Le perdite sono solo materiali anche se ingenti. Si parla di almeno 200 milioni di dollari. Incalcolabile il danno d’immagine. In cima al razzo vettore c’era il modulo di rifornimento per gli astronauti della ISS, la Stazione Spaziale Internazionale.

L’imbarazzo di un dirigente della compagnia: “È dura perdere un razzo come questo. Si tratta di un grosso danno economico. Siamo felici di annunciare che non ci sono stati feriti. Nessuno del personale è stato ferito. Abbiamo avuto solo la perdita di materiale”.

La navetta, senza equipaggio, avrebbe dovuto portare a bordo dell’Iss oltre 2 tonnellate di cibo, rifornimenti ed esperimenti scientifici destinati agli astronauti in orbita.

Orbital, l’azienda privata statunitense che ha sofferto l’incidente, non è il solo gruppo a supportare gli astronauti dell’ISS: sempre questo mercoledì una navicella russa Soyuz è partita dal Kazakistan con tre tonnellate di derrate a bordo. L’operazione si è svolta nel migliore dei modi e la navicella ha raggiunto l’obiettivo appena sei ore dopo il decollo.