ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Messico, studenti scomparsi. Si dimette il governatore dello stato di Guerrero

Lettura in corso:

Messico, studenti scomparsi. Si dimette il governatore dello stato di Guerrero

Dimensioni di testo Aa Aa

Terremoto politico in Messico in seguito al caso dei 43 studenti scomparsi un mese fa a Iguala. Si dimette il governatore dello stato di Guerrero, Angel Aguirre, accusato di aver mal gestito la crisi e l’inchiesta stessa. Secondo la procura i ragazzi sarebbero stati rapiti e consegnati ai narcos su ordine del sindaco della città, arrestato mercoledì con la moglie.

“Ho deciso di presentare le mie dimissioni al Congresso di Stato Ora lo stesso Congresso dovrà scegliere, dovrà eleggere qualcun altro per risolvere nei prossimi mesi questa crisi”, ha dichiarato il Governatore dimissionario.

Secondo le ultime indiscrezioni i giovani sarebbero stati presi dalla polizia, dopo un attacco che aveva fatto 6 morti, e quindi consegnati al braccio armato legato a un potentissimo cartello della droga. C‘è chi ipotizza invece che gli studenti siano stati bruciati vivi. Intanto il Presidente messicano Enrique Peña Nieto promette che verrà fatta giustizia: “Il nostro obiettivo principale è trovare i giovani studenti della scuola di Ayotzinapa, sapere dove si trovano. Il governatore dovrebbe di nuovo incontrarsi con il gabinetto di sicurezza per fare il punto della situazione su quello che sta accadendo in questi giorni.”

Mentre a Iguala proseguono le proteste, gli inquirenti stanno analizzando i corpi ritrovati in tre fosse comuni scoperte vicino alla cittadina. Finora in manette sono finiti 36 esponenti della polizia municipale e 18 narcotrafficanti.