ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Melilla: in 60 passano la frontiera. Violenze della polizia spagnola

Lettura in corso:

Melilla: in 60 passano la frontiera. Violenze della polizia spagnola

Dimensioni di testo Aa Aa

Esultano i migranti di origini subsahariane, una sessantina, che sono riusciti a passare la frontiera con Melilla, l’enclave spagnola in Marocco.

Baciano il suolo che è sotto il controllo di Madrid, si abbracciano tra loro felici di raggiungere il sogno europeo di una vita che sperano migliore. Per loro adesso si è aperto il centro di soggiorno temporaneo per immigrati (Ceti) di Melilla, che può accogliere 480 persone e attualmente ne ospita oltre 1200.

La doppia barriera di protezione frontaliera alta sei metri è teatro di assalti sempre più massicci negli ultimi mesi da parte dei migranti che tentato di arrivare in Spagna.

La notizia di violenze da parte degli agenti della guardia civile spagnola verso uno di questi migranti ha sollevato le critiche dell’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati (Unhcr) che ha lanciato un appello alle autorità affinché rispettino i diritti fondamentali.