ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Giappone, due ministre si dimettono per degli scandali

Lettura in corso:

Giappone, due ministre si dimettono per degli scandali

Dimensioni di testo Aa Aa

Sotto la pressione di due scandali, hanno rassegnato le dimissioni due ministre del governo giapponese. Yuko Obuchi, responsabile dell’Industria e Midori Matsushima, sua collega della Giustizia, hanno rimesso l’incarico nelle mani del premier Shinzo Abe.

A Yuko Obuchi viene contestata la spesa di 74mila euro di denaro pubblico, in cinque anni, per l’acquisto di prodotti di bellezza.

Visibilmente emozionata, la ministra ha parlato coi giornalisti.

“Non è accettabile che per miei problemi si produca una paralisi delle politiche economiche ed energetiche. Rassegno le dimissioni dalla carica di ministro intendendo dare il mio contributo ad evitare ogni sospetto”.

A travolgere la ministra della Giustizia una violazione del codice che regola le campagne elettorali: Midori Matshushima ha infatti fatto stampare e distribuire tra gli elettori della circoscrizione dei volantini con il suo volto e il suo nome, una pratica vietata dalle norme.