ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cinema: nelle sale "Men, women & children", la famiglia raccontata da Jason Reitman

Lettura in corso:

Cinema: nelle sale "Men, women & children", la famiglia raccontata da Jason Reitman

Dimensioni di testo Aa Aa

Proteggere i propri figli dalle avversità moderne del mondo, come può essere internet. Lo racconta la nuova pellicola
di Jason Reitman: “Men, women & children”. Per la madre, una dei protagonisti del film, interpretata dall’attrice Jennifer Garner, il controllo si trasforma in un’ossessione: passa in rassegna i messaggi sul cellulare della figlia, cancella dai social media i commenti considerati inappropriati.

“È difficile essere genitore – dice l’attrice Jennifer Garner – Molto difficile. E lei sta facendo del suo meglio e crede che potrà tutelare sua figlia tenendola sotto controllo. Solo che le cose non sono così semplici. Lei non è un mostro ma pensa solo che il mondo sia in bianco e nero, cosa che non è”.

Nella vita reale Jennifer Garner ha tre figli con l’attore Ben Affleck. La maggiore ha nove anni e le minacce rappresentate dal mondo digitale preoccupano anche l’attrice.

“Non conosco le strategie di coping – confessa Jennifer Garner – So solo che non c‘è modo di stare al passo con quello che vedranno e conosceranno. Alla fine ci resta solo il dialogo. Come possiamo trasmettere il nostro messaggio? Credo solo parlando e dando loro fiducia”.

“Men, Women & Children” completa un anno di collaborazione tra Jennifer Garner con la famiglia Reitman. Ora con Jason Reitman, ma prima aveva girato con il padre il film “Draft day”.

“Sono entrambi dei veri registi senza mezze misure – sottolinea l’attrice – Non sono concentrati solo sulle riprese ma sulla complessità di un film, senza nemmeno avere troppi dubbi. Sono meticolosi e le loro indicazioni sul set sono precise.
È difficil, ma lavorare con loro è come stare in paradiso. Spero di lavorare ancora un anno con entrambi i Reitmans”.

“Men, Women & Children” è in uscita questo ottobre nelle sale italiane.