ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Barcellona: in migliaia per l'indipendenza della Catalogna

Lettura in corso:

Barcellona: in migliaia per l'indipendenza della Catalogna

Dimensioni di testo Aa Aa

Su plaza de Catalunya, a Barcellona, dall’alto sembra sventolare un’unica grande ‘‘seynera’‘: la bandiera della Catalogna. I colori sono quelli dell’indipendenza che in migliaia sono tornati a chiedere, dopo il no della Corte costituzionale spagnola che ha annullato il referendum e il parziale dietrofront del presidente della regione Artur Mas che lo ha trasformato in una chiamata alle urne il 9 novembre.

‘‘Sosterremo il 9 novembre, ma alla condizione che ci sia unità politica, vogliamo elezioni anticipate. Presidente, convoca le elezioni, vogliamo votare entro tre mesi”, ha detto Carme Forcadell, portavoce dell’Associazione nazionale catalana che ha organizzato la manifestazione.

Il 9 novembre urne, dunque, aperte per tutti i cittadini con più di 16 anni di età per dare la propria opinione sul futuro della regione. Ma il fronte indipendentista catalano è tutt’altro che coeso, critiche sono arrivate dal leader di ‘‘Unió Democratica de Catalunya’‘ (Udc), Josep Duran i Lleida: “La Catalogna non sarà mai uno Stato indipendente in grado di sopravvivere come tale se prima non negozia con la Spagna e con l’Unione europea.”

Il rischio è che si consumi uno scontro istituzionale tra lo Stato spagnolo e il movimento autonomista che è molto cresciuto negli ultimi anni.