ULTIM'ORA

Mozambico al voto, in gioco i proventi delle estrazioni di gas

Lettura in corso:

Mozambico al voto, in gioco i proventi delle estrazioni di gas

Dimensioni di testo Aa Aa

Lunghe file si sono create davanti ai seggi in Mozambico, dove più di 10 milioni di elettori stanno votando per un nuovo presidente e un nuovo Parlamento.

Il quinto scrutinio presidenziale dopo la fine della guerra civile, nel 1992, è stato preceduto da un periodo di tensioni tra i due partiti storici, tale da far temere un nuovo conflitto. Ma le considerazioni economiche hanno prevalso, portando alla firma di un accordo di pace.

In gioco sono i proventi dei giacimenti di gas naturale scoperti nella costa nord del Paese, che porteranno investimenti stranieri, anche da parte dell’italiana Eni.

Il favorito in questa competizione elettorale è Filipe Nyusi, del Frelimo, partito che detiene il potere da quando questa ex colonia portoghese ha raggiunto l’indipendenza, nel 1975.

Il suo principale sfidante è Afonso Dhlakama, del Renamo, da poco uscito dalla macchia e ormai al suo quinto tentativo di strappare la presidenza.

Chiunque vinca dovrà tentare di ripartire meglio le ricchezze di un Paese dove il 90% della popolazione vive con meno di due dollari al giorno.