ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ebola, Germania registra il primo decesso: disposta la cremazione

Lettura in corso:

Ebola, Germania registra il primo decesso: disposta la cremazione

Dimensioni di testo Aa Aa

Sarà cremato per minimizzare il rischio di contagio il corpo del paziente di ebola deceduto ieri notte in una clinica di Lipsia.

L’uomo, di 56 anni, era un dipendente delle Nazioni unite di nazionalità sudanese, trasferito in Germania giovedì scorso e subito ricoverato nel reparto malattie infettive dell’ospedale St Georg.

Il responsabile del reparto, Bernhard Ruf, assicura che sono state seguite scrupolosamente tutte le misure igieniche per la protezione del personale medico e per evitare il diffondersi del contagio.

Ma l’ebola è un virus che fa paura in tutta Europa. Nell’aereoporto londinese di Heathrow, il più trafficato del Regno Unito, sono iniziati i controlli medici sui passeggeri in provenienza dall’Africa occidentale. Misure che dovrebbero presto essere adottate anche negli altri scali della città.

Intanto, a Madrid, i sindacati degli infermieri reclamano una revisione delle procedure anti-ebola, dopo che una collega è stata contagiata, assistendo due missionari spagnoli rimpatriati dall’Africa.

Le condizioni di Teresa Romero sono leggermente migliorate, afferma la dottoressa che ha in cura la donna nell’ospedale Carlo III. “Attualmente è l’unica malata accertata e non può infettare altre persone perché è in isolamento. Chi ha avuto contatti con lei prima del ricovero viene monitorato. E speriamo che non ci siano altri casi”, conclude la dottoressa Mar Lago.

Sotto casa dell’infermiera, alcuni hanno portato fiori in segno di solidarietà. Una risposta al goffo tentativo del governo di attribuire la responsabilità dell’accaduto a una disattenzione professionale.