ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Infermiera positiva ai test su Ebola. Sale negli USA la febbre da contagio

Lettura in corso:

Infermiera positiva ai test su Ebola. Sale negli USA la febbre da contagio

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ febbre da contagio, negli Stati Uniti, dopo che un’infermiera dell’ospedale di Dallas dove era stato ricoverato un malato di Ebola è risultata positiva ai test preliminari sul virus.

Ulteriori analisi sono state ora affidate al Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie di Atlanta. Se confermato, si tratterebbe del primo caso di contagio negli Stati Uniti.

Le autorità si interrogano però ora sull’efficacia del protocollo adottato dall’ospedale e mettono a disposizione una linea dedicata agli interrogativi dei cittadini.

“Ci aspettavamo che potesse verificarsi un contagio – ha provato a rassicurare Clay Jenkins, alto rappresentante della politica locale -. Per quanto riguarda la gestione dei contatti con il paziente, speciali procedura e misure di sicurezza erano quindi già state adottate da parte dell’ospedale
. Sta ora alla struttura verificare se siano state rispettate”.

Rassicurare è l’imperativo anche dei portavoce del Texas Health Presbiterian.

“Siamo convinti che le precauzioni adottate saranno in grado di proteggere il nostro personale – dice il capo del personale, Daniel Varga -. Non abbiamo ancora un quadro esaustivo di quanto accaduto, ma stiamo già lavorando per ricostruire nel dettaglio chi sono tutti coloro che hanno avuto a che fare con il signor Duncan e in quali circostanze sono entrati in contatto con lui. Restiamo comunque convinti che le misure che abbiamo adottato saranno in grado di proteggere il nostro personale”.

Rientrato dalla Liberia il 20 settembre, Thomas Eric Duncan era deceduto mercoledì dopo essere stato sottoposto a un trattamento sperimentale alternativo allo Zmapp.