ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Banca Mondiale lancia l'allarme per le conseguenze di Ebola

Lettura in corso:

La Banca Mondiale lancia l'allarme per le conseguenze di Ebola

Dimensioni di testo Aa Aa

La Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale lanciano un appello per accelerare gli sforzi nella lotta al virus Ebola. A Washington, i rappresentanti delle due istituzioni hanno fatto il punto sulle implicazioni economiche dell’epidemia.

“Secondo una nuova valutazione dell’impatto economico da parte della Banca Mondiale – ha detto il presidente della Banca Mondiale Jim Yong Kim -, se l’epidemia di Ebola non è contenuta in modo rapido e se si diffonde in altri Paesi, l’impatto a livello regionale sui due anni potrebbe raggiungere i 32.6 miliardi di dollari entro il 2015. Per le popolazioni della regione dell’Africa occidentale sarebbe catastrofico”.

Ebola ha già ucciso quasi quattromila persone in Africa occidentale, oltre ottomila quelle infettate. Mentre i Paesi dove la diffusione del virus è maggiore – Guinea, Liberia e Sierra Leone – stentano a gestire l’emergenza, il timore che la situazione possa sfuggire dal controllo si diffonde rapidamente, anche dopo i casi registrati in Europa e negli Stati Uniti.

“Siamo pronti a fare di più – ha detto Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale -. È assai raro per il Fondo Monetario Internazionale dire questo, ma in questa occasione lo dirò. Va bene aumentare il deficit fiscale quando si tratta di curare le persone, di prendere precauzioni per tentare di contenere la malattia”.

Il numero delle persone contagiate da Ebola cresce in modo esponenziale e occorre un’assistenza di venti volte maggiore a quella attuale – ha detto il Segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon – e i Paesi colpiti chiedono aiuto immediato.

Leggi anche

Ebola, la malattia che viene dall'Africa