ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

A scuola di politica

Lettura in corso:

A scuola di politica

Dimensioni di testo Aa Aa

La politica è una passione ma i giovani possono anche impararla a scuola, ed essere incoraggiati a studiare questa disciplina per intraprendere una vera e propria carriera come politici.

In Germania per i bambini guardare la TV è il primo passo per formare la propria consapevolezza sociale e politica.
Dimenticando i cartoni animati per un pò, sull’emittente ZDF c‘è Logo, un programma di notizie rivolte appositamente ad un pubblico di giovanissimi dagli 8 ai 12 anni.

Logo tratta tutte le notizie di attualità rendendole appetibili ai bambini grazie ad infografica ed emoticons. E così per 400 mila bambini tedeschi, ed in particolare per le due bambine che abbiamo intervistato, le star non sono attori o cantanti ma i presentatori di Logo che parlano di Siria, Iraq ed Ebola.

Se fino ad oggi la politica è stata una questione delicata e controversa in Birmania, adesso tutti possono esprimere le proprie ambizioni politiche. A Yangon è attiva la Scuola di Scienze Politiche , un corso gratuito di 60 ore che dal 2011 ha già formato oltre 400 persone in Scienze Politiche.

In attesa delle elezioni presidenziali del 2015, a Yangon incontriamo Zin Mar Aung una delle fondatrici della Yangon School of Political Science (dopo aver passato 11 anni in carcere) e Nilar Kyaw, un’impenditrice e studentessa della scuola che finalmente si sta preparando per le nuove sfide politiche…

Nella patria di Che Guevara (e nella stessa Università di Buenos Aires che lui aveva frequentato) un giovane argentino, Martin De Angelis, ha coltivato la propria passione politica: da volontario impegnato in missioni umanitarie a brillante laureato in Scienze Politiche. Martin ha ottenuto borse di studio in prestigiosi istituti, come la Fulbright Scholarship for Young Political Leaders, vinto premi e partecipato a conferenze tra cui il WISE Summit in Qatar.

“La maggior parte dei giovani vogliono essere grossi uomini d’affari come Bill Gates o calciatori alla Lionel Messi. Ma la società sarebbe molto migliore se i giovani ambissero ad essere capi di Stato, ad avere responsabilità sociali e ricoprire cariche pubbliche per recuperare la politica come strumento di cambiamento” dice Martin.

Learning World Facebook

Learning World Twitter