ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Oltre 2500 morti nel Mediterraneo, il commissario europeo Avramopoulos dice no alla "Europa fortezza"

Lettura in corso:

Oltre 2500 morti nel Mediterraneo, il commissario europeo Avramopoulos dice no alla "Europa fortezza"

Dimensioni di testo Aa Aa

Amnesty International punta il dito contro l’Unione europea colpevole di non fare abbastanza per salvare migliaia di immigrati che sfidano le onde del Mediterraneo. L’associazione per la difesa dei diritti umani ha presentato un nuovo rapporto.

Spiega il suo portavoce Matteo De Bellis: “L’Unione europea contribuisce ad alimentare quest’ecatombe in mare, perché sta chiudendo le sue frontiere terrestri nel sud-est dell’Europa. E abbiamo constatato che se il numero di persone che cerca di passare quelle frontiere è diminuito, d’altra parte sempre piu’ persone rischiano un viaggio pericoloso nel Mediterraneo”

Efy Koutsokousta, euronews:
“Secondo Amnesty International si è raggiunto un nuovo record: 2500 morti nei primi nove mesi del 2014 nel Mediterraneo. Gli eurodeputati hanno chiesto al Commissario europeo designato all’immigrazione, un calendario di riforme precise”

Dimitris Avramopoulos, attuale ministro della difesa nel governo di centro -destra greco, è stato scelto da Juncker per gestire il delicato portafoglio degli affari interni e dell’immigrazione.

Durante la sua audizione davanti al Parlamento europeo Avramopoulos ha precisato: “La sicurezza non deve spingerci a transformare l’Europa in una fortezza. Sostenetemi per rafforzare Frontex. Per il momento il ruolo di Frontex è solo di rafforzare la sicurezza, non di soccorrere, è qualcosa che dobbiamo esaminare bene”

Affermazioni che non hanno convinto la deputata verde tedesca Ska Keller: “E’ rimasto molto vago su alcuni temi perché è nuovo in questo campo, non ha potuto dare risposte dettagliate, Avrei voluto vedere quali sono esattamente i suoi progetti, ma di fatto non vuole avviare nuove riforme, ma applicare quelle che già esistono”

A novembre terminerà l’operazione italiana Mare Nostrum, sarà sostituita da un’operazione europea dalla missione non ben precisata.