ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sale pressione rifugiati ai confini Turchia-Siria

Lettura in corso:

Sale pressione rifugiati ai confini Turchia-Siria

Dimensioni di testo Aa Aa

La Turchia presa tra due fuochi. Negli ultimi giorni oltre 130.000 rifugiati in prevalenza di etnia curda sono arrivati in Turchia in fuga dal conflitto in Siria. E la pressione dei militanti dell’autoproclamato Stato Islamico aumenta pericolosamente ai confini sud-orientali del Paese.

I valichi di frontiera turchi erano stati aperti venerdì per accogliere le migliaia di persone minacciate dall’avanzata degli jihadisti fino a quando gli scontri di ieri alla frontiera non avevano costretto le autorità di Ankara a interrompere il passaggio.

Intanto la pressione degli estremisti dello Stato Islamico nel Nord della Siria è tale che il capo della coalizione nazionale dell’opposizione siriana Hadi al-Bahra ha lanciato ieri un appello per raid aerei immediati contro l’avanzata degli estremisti.

Amnesty International ha richiesto ad Ankara di riaprire alcuni valichi per garantire alla popolazione civile di fuggire dai conflitti e dagli abusi in Siria e in Iraq.