ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

#NOTINMYNAME: I musulmani europei contro Isil

Lettura in corso:

#NOTINMYNAME: I musulmani europei contro Isil

Dimensioni di testo Aa Aa

Cresce la protesta di chi in Europa dice basta uccidere nel nome della religione, basta uccidere nel nome dell’Islam. Venerdi’ scorso scorso si è pregato in duemila moschee in Germania, a Milano domenica i giovani musulmani hanno organizzato una fiaccolata per condannare la violenza dello Stato Islamico dell’Iraq e del Levante. E contestando i simboli del Califfato hanno bruciato una bandiera dell’Isil.

Ma è sul web che la protesta si moltiplica con l’hashtag #NotInMyName utilizzando gli stessi media sfruttanti dai terroristi, via Youtube su Twitter.
A lanciare l’iniziativa è stata l’associazione britannica Active Change:

e da Londra la campagna ha fatto il giro del mondo, arrivando in Francia e in Australia.

Una campagna che ha attirato l’attenzione del Vice-presidente del Parlamento Europeo David Sassoli che, proprio nel giorno in cui il Parlamento annuncia sette finalisti al Premio Sakharov per la libertà di pensiero, invita a sostenere i giovani musulmani che si battono contro il terrore.