ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Scozia: Alistairs Darling, flemma britannica contro il carisma di Salmond

Lettura in corso:

Scozia: Alistairs Darling, flemma britannica contro il carisma di Salmond

Dimensioni di testo Aa Aa

Nato a Londra nel 1953, una laurea in Giurisprudenza all’Università di Aberdeen, Alistair Darling, è un veterano della politica britannica. Fu eletto per la prima volta al parlamento di Westminster nel 1987 con il partito Laburista.

Negli ultimi due anni ha guidato la campagna “Insieme è meglio”, senza mai perdere la proverbiale compostezza.

“Se ci separeremo, non potremo più tornare indietro – ha ripetuto Darling durante la campagna referendaria – Questo non è un voto elettorale, in cui prendete a calci nei denti il governo. Questa è una decisione che influenzerà la nostra generazione e quelle a venire”.

Questo pacato esponente laburista, ha già vissuto diverse tempeste. Nel 2007 è stato nominato Cancelliere dello Scacchiere, vale a dire ministro del Tesoro nel governo di Gordon Brown, a sua volta arrivato a Dowing Street dopo aver gestito per anni le finanze del Regno Unito.

Nell’estate del 2008 Darling vede l’arrivo della tempesta finanziaria, attirando su di sé una montagna di critiche. Ma i fatti gli daranno ragione e si svelerà essere un buon timoniere durante la crisi del sistema bancario.

I suoi critici sono tornati alla ribalta in questa campagna referendaria, dicendo che ha parlato solo di quello a cui si oppone e non di quello che propone.

Euronews lo ha incontrato nel 2012, quando aveva appena lanciato il suo movimento “Better Togheter”, contrario all’indipendenza della Scozia: “La Scozia è più forte nel Regno Unito, allo stesso modo in cui il Regno Unito è più forte con la Scozia – disse all’epoca l’esponente unionista – Siamo più della somma di ciò che siamo. Abbiamo un’unione economica e credo che in questi tempi di profonda incertezza, deviare verso una destinazione ignota con tante domande senza risposta, significa prendere dei rischi inutili”.

Alistair Darling ha affrontato il più carismatico Alex Salmond, con il peso della ragione e con uno stile molto più posato.