ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Migranti, continuano le ricerche del barcone naufragato con 500 a bordo

Lettura in corso:

Migranti, continuano le ricerche del barcone naufragato con 500 a bordo

Dimensioni di testo Aa Aa

Cinque persone, verosimilmente scampate a quello che potrebbe essere il più grave naufragio mai verificatosi nel Mediterraneo, sono state portate in salvo dalle forze di soccorso greche e si trovano ora a Creta con un permesso di soggiorno temporaneo.
Si tratta di 3 palestinesi, un egiziano e una donna siriana. Con loro anche una bimba di circa un anno, probabilmente siriana, che resta ricoverata in condizioni critiche. Questi superstiti avrebbero confermato la versione dei due palestinesi che ora si trovano a Pozzallo, nel Ragusano, ossia che un barcone con 500 migranti a bordo è partito dall’Egitto il 6 settembre ed è naufragato al largo delle coste maltesi, in acque internazionali. Secondo le testimonianze l’affondamento del barcone sarebbe stato provocato volontariamente dagli scafisti.
Lo scorso weekend è stato il più funesto di sempre nel Mediterraneo. Più di 200 vittime si sono registrate nel naufragio di un barcone al largo della Libia e i cui 36 superstiti sono stati trasferiti a Pozzallo. Se dovesse essere confermato il naufragio del barcone partito dall’Egitto di cui parlano i sopravvissuti, i morti arriverebbero a superare gli 800.