ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Migliora il buco dell'ozono,in lenta ricostruzione

Lettura in corso:

Migliora il buco dell'ozono,in lenta ricostruzione

Dimensioni di testo Aa Aa

La natura comincia a premiare gli sforzi dell’uomo.
Dopo decenni di emergenza, il buco dell’ozono si sta lentamente restringendo.
Secondo gli scienziati riuniti a New York, dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale e del Programma dell’Onu per l’Ambiente, la ricomposizione dello strato di ozono che protegge la Terra dalle radiazioni ultraviolette del Sole potrebbe completarsi entro 2050.

Un effetto benefico grazie al Protocollo di Montreal, siglato nel 1987, che ha stroncato l’uso dei gas nocivi.

“Il protocollo – ha sottolineato Achim Steiner, del Programma dell’Onu per l’Ambiente – sta anche evitando ogni anno circa 2 milioni di casi di cancro alla pelle. Una cifra che sale a 100 milioni entro se si calcola fino alla di questo secolo “.

Il successo del Protocollo di Montreal dovrebbe incoraggiare ulteriori azioni non solo sulla protezione dell’ozono, hanno sottolineato gli scienziati, ma anche sul clima.

La stessa urgenza usata fino ad ora dovrebbe essere investita per affrontare la enorme sfida del riscaldamento climatico

www.unep.org

www.wmo.int