ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Stampa 3D per auto e vestiti

Lettura in corso:

Stampa 3D per auto e vestiti

Dimensioni di testo Aa Aa

Il mercato della stampa 3D cresce rapidamente e promette di cambiare il modo di produrre e di creare oggetti.

Una esposizione a Londra (http://3dprintshow.com) mette in mostra alcune delle sue applicazioni pratiche in una grande varietà di settori.

Strakka Racing, una scuderia di automobili britannica, ad esempio, espone un’auto da corsa realizzata con la stampa tridimensionale: raggiunge i 321 chilometri orari ed è costituita da componenti interni tutti in 3D.

Dan Walmsley, ingegnere di Strakka Racing: “L’utilizzo della stampa 3D consente di realizzare prototipi in modo rapido. Ma ció che stiamo facendo ora riguarda l’auto da corsa e la produzione dei suoi componenti, una strada completamente nuova da percorrere. Il materiale costruito oggi è abbastanza rigido, forte a sufficienza e abbastanza leggero per funzionare nella produzione completa degli accessori di una macchina da corsa”.

La tecnologia di stampa 3D consente di creare e produrre vestiti e accessori “impossibili”, che non possono essere prodotti con metodi convenzionali.

Il direttore creativo di Stratasys, azienda che produce attrezzature per la stampa 3D e materiali che creano oggetti fisici direttamente dai dati digitali, spiega quali sono le sfide per l’industria tessile e per la moda.

Naomi Kaempfer, direttore creativo, Stratasys: “La produzione con stampa 3D è ancora in grande evoluzione. Stiamo aspettando che vengano prodotti materiali in 3D, elastici e forti a sufficienza per realizzare fibra tessile. La stampa 3D è una tecnologia stratificata nuova e per creare fibre tessili forti bisogna effettivamente avere una fibra continua che attraversa il materiale”.

L’innovazione deriva dal voler imitare la natura e i ricercatori studiano come il bruco riesce a costruire i suoi bozzoli. Le stampanti 3D creano strato su strato la struttura, mentre il baco da seta costruisce i suoi bozzoli più morbidi all’interno e più forti all’esterno. Qui sta la differenza.