ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lavrov sull'Ucraina: "Presto un tavolo sul nuovo statuto dell'Est"

Lettura in corso:

Lavrov sull'Ucraina: "Presto un tavolo sul nuovo statuto dell'Est"

Dimensioni di testo Aa Aa

Al microfono con lui c‘è il suo omologo del Mali, ma sul tavolo irrompe la crisi ucraina. Nelle stesse ore in cui Kiev denuncia 4 vittime e decine di feriti nell’est del Paese da venerdì, il Ministro degli esteri russo Sergei Lavrov afferma da Mosca che il cessate il fuoco “globalmente tiene”, a parte qualche incidente di cui le parti si rimpallano la responsabilità.

Il Consiglio Nazionale Ucraino per la Difesa informa su Twitter di aver contato “89 attacchi terroristi” e sostiene che le forze regolari abbiano rispettato il cessate il fuoco.

Nell’accordo siglato pochi giorni fa nella capitale bielorussa Lavrov dice però di confidare soprattutto nella prospettiva di un imminente dibattito sullo statuto da riconoscere alle regioni del sud-est ucraino.

“Ci aspettiamo che il protocollo di Minsk – ha detto – costituisca un passo avanti verso dei negoziati sul tema del futuro status del sud-est dell’Ucraina. Auspichiamo che le discussioni fra le autorità di Kiev e i leader di Donetsk e Lugansk si aprano al più presto”.

Il riferimento di Lavrov – che si è inoltre detto preoccupato per la concentrazione nella zona di forze regolari ucraine – è all’ipotesi, caldeggiata da Mosca, che al sud-est del Paese venga riconosciuta un’accentuata autonomia da Kiev.

Appena ieri i presidenti ucraino e russo, Poroshenko e Putin, si erano nuovamente sentiti al telefono per discutere una strategia d’uscita dalla crisi.