ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania: pedaggio autostradale, la CSU all'attacco del governo

Lettura in corso:

Germania: pedaggio autostradale, la CSU all'attacco del governo

Dimensioni di testo Aa Aa

Il pedaggio autostradale al centro di una polemica tra i due partiti cristiano democratici in Germania. La CSU, sorella bavarese della CDU, promette battaglia dopo le elezioni amministrative in due Lander, di domenica prossima. Perché i tedeschi devono pagare sulle strade di altri Paesi e gli stranieri in Germania possono guidare gratis? Con questo argomento da tempo la CSU vuol far pagare un bollino autostradale a tutti eccetto i tedeschi.

Il primo ministro bavarese Horst Seehofer attacca il ministro delle Finanze, della CDU. “Si sa che Wolfgang Schaeuble è contro il pedaggio. Vuole che i tedeschi paghino eccessivamente, ma per noi è fuori discussione. Sta usando tutte le risorse disponibili affinché ciò avvenga. Noi non lo tollereremo”.

L’attacco di Seehofer è ai documenti del ministero delle Finanze – pubblicati dalla rivista der Spiegel – sui costi amministrativi eccessivi che verrebbero generati dal pedaggio. La proposta del ministro dei trasporti Dobrindt – CSU – aveva già spaccato la coalizione di governo che chiedeva di non gravare sui tedeschi. Il ministro allora ha introdotto la proposta che il bollino autostradale – previsto per il 2016 – venga poi dedotto dalla tassa di circolazione.

Tra gli alleati della CDU e dell’SPD si sono levate le critiche: la proposta sarebbe discriminatoria visto che gli unici a pagare sarebbero gli stranieri. La Commissione Europea proprio per questo motivo ha già bocciato il piano della CSU. Paesi Bassi e Austria hanno minacciato di sporgere denuncia davanti alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea.