ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Al Qaida recluta in Asia meridionale, allerta in India

Lettura in corso:

Al Qaida recluta in Asia meridionale, allerta in India

Dimensioni di testo Aa Aa

L’avanzata dei fondamentalisti dello stato islamico fa correre ai ripari al-Qaida, e l’Asia meridionale è già in allerta.

In un video di quasi un’ora diffuso su internet, il leader Ayman al-Zawahiri ha annunciato la creazione di una nuova appendice del gruppo estremista in India, Birmania, Bangladesh.

“Questo gruppo oggi non rappresenta una minaccia globale – spiega Ajai Sahni dell’Institute for Conflict Management di NUova Delhi -, è un gruppo che stenta a sopravvivere e lotta per la propria legittimità agli occhi del mondo musulmano radicalizzato”.

In riferimento alla frontiera tra India e Pakistan, al Qaida dice di puntare ad annientare i confini artificiali che dividono i musulmani nella regione. Solo in India sono il 15 percento della popolazione.

In primo piano c‘è il Kashmir – l’unico Stato indiano a maggioranza musulmana – dove Nuova Delhi è impegnata a contrastare la rivolta separatista.

“Vogliamo che il problema del Kashmir sia risolto solo con la pace e con il dialogo – dice un residente di Srinagar -. Il capo di al Qaida dovrebbe pensarci bene prima di diffondere messaggi sulla creazione di un ramo indiano qui”.

Il nuovo ramo di al Qaida punta alla creazione di uno stato islamico, con legge islamica. Sarà guidato dal leader pakistano del gruppo orfano di Bin Laden, deciso a tutto per arginare la concorrenza.