ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina est, telefonata Poroshenko-Putin. Mosca detta le condizioni per un piano di pace

Lettura in corso:

Ucraina est, telefonata Poroshenko-Putin. Mosca detta le condizioni per un piano di pace

Dimensioni di testo Aa Aa

Anche se la situazione resta confusa si apre uno spiraglio nella crisi in Ucraina. Dopo conferme e smentite circa un cessate il fuoco permanente nella regione di Donbass, Mosca e Kiev sembrano aver trovato un’intesa. O meglio il Presidente russo Putin ha presentato alle parti un piano di pace in sette punti.

“Le parti in causa devono assolutamente essere d’accordo sulle seguenti clausole: primo porre fine alle azioni militari nelle zone di Donetsk e Lugansk, secondo attuare il ritiro delle truppe ucraine dal sud-est e stop, e poi via libera all’esclusione dell’uso dell’aviazione contro i civili”, ha sottolineato il capo del Cremlino.

Tra i punti indicati dal Cremlino, in seguito alla telefonata con il presidente ucraino Poroshenko, anche l’apertura di corridoi umanitari per i rifugiati e l’invio di squadre per la ricostruzione delle infrastrutture sociali locali.

L’autoproclamata repubblica di Donetsk si è dichiarata pronta a risolvere il conflitto con Kiev con mezzi politici solo nel caso i militari ucraini cessino il fuoco. Secondo Mosca l’accordo finale sull’Ucraina potrebbe essere raggiunto il 5 settembre a Minsk, in Bielorussia, dove si riunirà nuovamente il Gruppo di contatto sulla risoluzione del conflitto. Presenti, oltre ad alcuni membri dell’OSCE, rappresentanti di Kiev, dei ribelli, e della Russia. Ora dalle parole si deve passare ai fatti.