ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gli elefanti hanno il miglior fiuto della Terra

Lettura in corso:

Gli elefanti hanno il miglior fiuto della Terra

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli elefanti hanno il miglior olfatto della Terra, parola di un nuovo studio realizzato dall’Università di Tokyo. La ricerca ha comparato il genoma di 13 diverse specie di mammiferi e ha rivelato che in quello dell’elefante africano ci sono ben 2.000 geni correlati al senso dell’olfatto. L’evoluzione avrebbe trasformato la proboscide, necessaria per afferrare gli oggetti, in naso semovente da record, con un fiuto cinque volte più potente di quello degli esseri umani.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista ‘‘Genome Research’‘. Il principale autore è Yoshihito Niimura, specialista di evoluzione molecolare all’Università di Tokyo.

‘‘Confrontando le differenze nei geni olfattivi di diversi animali, abbiamo scoperto quali sono i geni in comune e quali sono unici nell’animale’‘, spiega Yoshihito Niimura. ‘‘I geni comuni sono stati conservati durante tutto il processo evolutivo, noi pensiamo quindi che assolvano importanti funzioni in tutti i tipi di animali. I geni che sono aumentati di numero in modo specifico nell’animale sono, deduciamo, importanti per lui nel suo ambiente naturale.”

Lo studio comparativo ha, inoltre, permesso di individuare i geni dell’olfatto comuni a tutte le specie analizzate. Il risultato è che sono appena tre quelli ben conservati nei 13 mammiferi nel corso della loro evoluzione. Gli elefanti africani hanno il maggior numero di geni di recettori olfattivi mai caratterizzati, più del doppio del numero riscontrato nei cani.

Gli esseri umani hanno molti meno geni di recettori olfattivi rispetto alle altre specie esaminate. La spiegazione può essere la minore dipendenza sensoriale dall’odore, dovuta a una maggiore acuità visiva.

Per i pachidermi, che invece non vedono molto bene, il senso dell’olfatto è di primaria importanza per orientarsi nell’ambiente circostante. “Usano l’odorato per indagare il mondo esterno”, come conclude l’ultimo studio dell’Università di Tokyo.